FERRATA DI MONTE ALBANO

La Via Attrezzata Monte Albano “Ottorino Marangoni” è stata realizzata dalla Sezione C.A.I. – S.A.T. di Mori nel 1976 su una parete rocciosa sopra il Santuario che sovrasta, verso nord, l’abitato di Mori.
È considerata tra le più difficili ed impegnative dell’arco alpino, bella per l’ambiente e suggestiva per la varietà del percorso.

Accesso
Lasciata la macchina a Mori (largo Villanuova, piazza Cesare Battisti o via Teatro) oppure a Mori Vecchio, si sale a piedi al Santuario di Montalbano in 15 minuti. Attraversata una pineta cresciuta tra caratteristici massi calcarei, si arriva alla base della via attrezzata (10 min.)Richiede un notevole impegno atletico, in quanto risale una parete verticale, talvolta strapiombante, con il minimo utilizzo di mezzi artificiali. La continuità dei tratti più difficili e l’esposizione al vuoto (…”come sulle grandi pareti,…” da: Alpi Orientali – Le vie ferrate di R. Messner) le conferiscono l’attrattiva e la severità di una scalata vera e propria. Per queste ragioni essa va affrontata con una buona preparazione fisica e tecnica, usando l’attrezzatura necessaria all’arrampicata su roccia (imbracatura, kit da via ferrata, casco e calzature adeguate).
Soltanto in queste condizioni può regalare il gusto e l’emozioni di una ascensione impegnativa, però sicura e priva di inutili rischi.
La via attrezzata segue le strutture naturali della parete lungo le fessure, diedri, camini e cenge; il suo sviluppo è di circa 550 m. e supera un dislivello di 300 m., arrivando a quota 600 m, poco sotto l’abitato di Nomesino.
Data la sua esposizione a sud-est e la bassa quota, la si percorre in tutte le stagioni. Tuttavia è sconsigliata la salita quando la parete è bagnata e nelle giornate particolarmente calde e soleggiate. Durante la salita è possibile ammirare il vasto panorama sulla bassa Vallagarina ed i monti circostanti, dal Zugna al monte Baldo.Tempo di percorrenza
Da 1 a 3 ore per la salita, 20 – 40 min. per il rientro nel piazzale del Santuario.Ritorno
Dalla sommità della parete ha inizio, verso est, un facile percorso, con un tratto dotato di corde fisse, che riporta in breve al Santuario di Montalbano; in alternativa è possibile rientrare percorrendo un comodo sentiero con arrivo sempre nei pressi del Santuario. In caso di difficoltà, dopo i primi trenta metri di Via Attrezzata, volutamente difficile, è possibile rientrare alla base attraverso un facile sentiero.Numero telefonico di emergenza: 118
Per qualsiasi tipo di emergenza sanitaria chiamare il numero di telefonico 118 di Trentino emergenza sia dal cellulare che presso il custode del Santuario. Chiamando il 118 è possibile allertare la Stazione di Rovereto del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico

IL MONUMENTO AI CADUTI

Monumento per ricordare i Compagni Scomparsi e i Caduti di tutte le guerre.

LA SEDE IL VIDEO

I MOTTI ALPINI

RELAZIONE MORALE

La relazione morale è uno strumento indispensabile per far conoscere e racchiudere tutte le attività organizzate nell’arco di un anno solare e l’andamento patrimoniale dell’Ente.

STORIA DELL'A.N.A. A FUMETTI

FERRATA DI MONTE ALBANO

La via attrezzata "Ottorino Marangoni" è una via ferrata realizzata dalla Sezione C.A.I. - S.A.T. di Mori nel 1976 su una parete rocciosa.

MART ROVERETO

Il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto è un centro museale del Trentino

CAMPANA DEI CADUTI

La Campana dei Caduti di Rovereto è stata fusa con il bronzo dei cannoni delle nazioni partecipanti alla Prima guerra mondiale,

SANTUARIO DI MONTE ALBANO

Il santuario dell'Annunciazione della Beata Maria Vergine, anche noto come santuario di Montalbano è una chiesa sussidiaria a Mori, in Trentino. Risale al XVI secolo.

MUSEO DELLA GUERRA ROVERETO

Situato nel quattrocentesco castello di Rovereto, unica rocca veneziana in Trentino.

IL CAMMINO DI SAN ROCCO

Lungo il Cammino di San Rocco potrai attraversare molti paesaggi e trincee della grande guerra
seers cmp badge